Fresh Marketing
regole-nuove-twitter-fake-news-tweet

Twitter introduce regole più severe: attenti ai tweet

Twitter da qualche mese ha iniziato una vera battaglia contro quei contenuti che non rispettano il regolamento. L’ultima novità consiste in una nuova opzione che permette di distinguere un tweet rimosso perché, ad esempio, incitante all’odio o notizia falsa, rispetto ad un tweet eliminato dall’autore per un qualsiasi motivo.

Come viene spiegato in maniera più dettagliata nella sezione Regole e Norme della piattaforma social, nei 14 giorni che intercorrono tra il momento in cui i moderatori applicano la misura e quello in cui l’utente rimuove il tweet incriminato, sarà presente un’etichetta, al posto del contenuto originale, che recita la seguente frase: “Questo tweet non è più disponibile perché ha violato le regole di Twitter”. Trascorso questo periodo di tempo l’avviso verrà completamente rimosso.

Il motivo dell’applicazione di questa rimozione sarà, quindi, sotto gli occhi dei follower dell’utente, i quali avranno modo di capire meglio qual è il motivo per cui il tweet è stato cancellato.

Questa lotta, in particolare contro le fake news, è una delle grandi missioni intraprese dal social network dell’uccellino, a fianco di Facebook, Mozilla e dallo stesso Google. Essi infatti hanno deciso di affiancare l’Unione Europea e gli Stati Uniti in questa battaglia, in quanto timorosi del condizionamento mediatico che possa arrivare ad influenzare i risultati delle future elezioni politiche.

tweet, fake news, cybersecurity

   

Twitter e i 10 milioni di tweet di fake news (ma non bisogna chiamarle così)

Il social ha pubblicato di recente circa 10 milioni di tweet sospettati di essere legati a operazioni realizzate da Russia ed Iran per portare avanti due grandi campagne di disinformazione. Queste, avvenute tra il 2013 e il 2018, hanno avuto degli effetti sul referendum britannico, conclusosi con la Brexit.

Questa cosiddetta “fabbrica dei troll”, che potrebbe aver in gran parte sede alla “Internet Research Agency” di San Pietroburgo, è riuscita ad interferire anche con le elezioni presidenziali americane del 2016, che hanno portato alla vittoria l’attuale presidente Donald Trump.

Ma è giusto chiamarle fake news? Secondo il report redatto dal cosiddetto High Level Expert Group (HLEG) della Commissione Europea, diventa difficile parlare di ‘fake news’ se il primo dato di fatto è che non le si possa definire. Il documento del team di esperti afferma che non si può parlare di fake news nei seguenti casi:

  • quando si tratta di notizie diffamatorie. Esistono già delle norme che puniscono questi tipi di contenuti,
  • quando il giornalista, in buona fede, commette degli errori in un articolo che un utente, a sua insaputa, potrebbe divulgare.

Spesso, inoltre, il termine ‘fake news’ viene utilizzato a sproposito da parte di varie forze politiche per denigrare le teorie della parte opposta.

Come segnalare le violazioni su Twitter?

Seppur Twitter sia meno soggetto a fake news e post incitanti all’odio, in quanto si pone come social “più serio” rispetto, peresempio, a Facebook, è probabile che tu possa trovare sulla tua timeline delle condivisioni di notizie completamente false. Cosa fare allora? È sufficiente scorrere e lasciar dimenticare? No, puoi attivamente segnalare il tweet senza che l’utente sappia che sia stato tu.

Basta fare clic in alto a destra del tweet sulla punta rivolta verso il basso e premere la voce Segnala Tweet.

Come segnalare un tweet su Twitter

Dopo aver cliccato su Segnala Tweet, si aprirà una nuova finestra dove poter scegliere la segnalazione da inviare. Se il tweet pubblicato è una notizia falsa l’opzione più consigliata da cliccare è la seguente: È un account sospetto o di spam.

Come segnalare un tweet su Twitter

Dopodiché è necessario fare clic su Avanti per confermare la segnalazione. Il sistema di controllo di Twitter, in maniera molto veloce, provvederà ad esaminare il tweet segnalato. Presto la fake news verrà eliminata. A volte è possibile che non venga proprio eliminata, in questo caso Twitter toglierà gli hashtag al contenuto pubblicato, cosicché possa non essere visibile a tutti.

Per quanto riguarda la versione mobile di Twitter la procedura è simile a quella effettuata da desktop. Dopo aver identificato il tweet che potrebbe essere un possibile falso, fai tap sulla punta della freccia rivolta verso il basso e ripeti l’operazione precedente.

La segnalazione delle fake news sicuramente non è un’obbligo, ma aiuta a mantenere i social “più puliti”. Se vediamo che un account Twitter, oppure una pagina Facebook, diffondono esclusivamente notizie false, è un dovere morale segnalare questi account. In ogni caso si può anche decidere di bloccare la pagina, non seguirla più e rimuovere il like o il follow, così da non vedere più nessun contenuto pubblicato da chi la gestisce.

Avatar

Giorgio Romano Arcuri

Prima di intraprendere la professione del lavoratore autonomo, ho svolto mansioni nei contesti più disparati. La decisione di convivere dall’età di 21 anni mi ha, infatti, sempre reso molto attivo da un punto di vista lavorativo. Tuttavia, il vero momento di svolta professionale della mia vita avviene a 31 anni. Dopo una laurea in comunicazione d’impresa, ho deciso di inseguire uno dei miei tanti sogni nel cassetto. Scrivere non più solo per me stesso. Ma scrivere per altri. Ho, quindi, avviato la mia attività di copywriter freelance, una professione che, seppur sia complessa, mi regala tante soddisfazioni e mi permette costantemente di aggiornarmi, di imparare e non sentirmi mai arrivato. Ma non vivo solo di lavoro! Ho una grande passione per la musica e per il canto che mi accompagnano da quando ancora non riuscivo a reggermi in piedi. Scrivere senza un sottofondo musicale sarebbe per me impossibile.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.