Fresh marketing

Marketing online? Opportunità, miti e insidie

Il marketing online o digital marketing è sulla bocca di tutti. Molte aziende, soprattutto di grandi dimensioni, hanno compreso la potenza del digitale e stanno lavorando per mettere a punto le loro strategie. Altre, piccole o medie, stanno facendo qualche esperimento e si stanno interrogando su come fare, su quali strumenti puntare e quali investimenti prevedere. Altre non hanno ancora capito di cosa si sta parlando.

La domanda di servizi, consulenza e approfondimenti è ampia e il mercato risponde nel modo a cui siamo abituati di questi tempi, con una bulimia di proposte che per lo più lascia attoniti. Il proliferare dei corsi, convegni, workshop, libri, articoli, in cui si discute di social media, blogging, content marketing, SEO ecc. e dai quali emerge la promessa di successi straordinari con investimenti minimi, è davvero spiazzante. E rischia di mettere in difficoltà proprio chi ha più bisogno di aiuto.

Sembra di assistere ad un gigantesco MasterChef della comunicazione, che al legittimo obiettivo di intrattenimento somma la volontà di far crescere forzatamente un bisogno, un mercato. Abbinamenti perfetti e presentazioni artistiche in cucina, web e social media nel marketing online: altrimenti non esisti!

Dobbiamo ammettere che fare marketing online è davvero una necessità. Non possiamo nascondere dietro alla promessa di facili risultati la presenza di numerosi pericoli che non devono essere sottovalutati se si vuole tutelare il lavoro svolto fino a qui da coloro che ancora si stanno interrogando sul da farsi. Ecco allora qualcuno tra i luoghi comuni più diffusi e le insidie che si racchiudono.

Essere in rete è necessario

Si, certo! Ormai chiunque, prima di andare in negozio, dal fabbro, dal dentista, dal veterinario o di prendere un appuntamento per richiedere un servizio, vuole capire a chi si sta rivolgendo. Un’azienda che non esiste online rischia di non essere inclusa tra le scelte dei miei “fornitori”; questo non significa mettere online l’intero catalogo dei prodotti, dover offrire preventivi gratuiti a tutti i visitatori del sito o dover aggiornare la grafica del sito ogni mese, aprire un e-commerce o mettere su Facebook le foto delle vacanze.
Ciò che serve è presentarsi, semplicemente, con il linguaggio del tuo pubblico. Stare sulla rete è come porgere il biglietto da visita ad un potenziale cliente, se gli raccontiamo il nostro mondo in modo che lui lo capisca, probabilmente deciderà di approfondire la conoscenza della tua azienda e, forse, anche di acquistare da te. Quindi, se decidi di affrontare il marketing online, fallo sapendo quello che fai, frequenta un corso, sceglilo con cura. In alternativa fatti aiutare da esperti della comunicazione in grado di comprendere le tue difficoltà e restituirti servizi sostenibili economicamente mirati alla la tua dimensione e attività.

Il blog aziendale serve a farsi trovare su Google

É vero, ma non bisogna farsi illusioni perché scalare il motore di ricerca non è per nulla facile. Google, da quando è nato ad oggi, è stato aggiornato di giorno in giorno e continua ad evolversi decretando, con i suoi algoritmi, il successo di alcuni siti piuttosto che altri.

Conoscere con esattezza i criteri secondo cui il motore di ricerca premia o penalizza un sito è praticamente impossibile, ma ormai sono chiare alcune regole generali secondo cui Google scansiona la rete. Si sa poi che Google continua a lavorare per premiare i siti di valore per gli utenti. Questo è utile poiché ti permette di lavorare per offrire un contenuto rilevante ai lettori e al tempo stesso di scalare il motore di ricerca.

Offrire contenuti di valore significa realizzare un blog utile per il tuo lettore. Parla la sua lingua, evita di creare blog troppo generalisti e focalizza le tue energie sulle sue esigenze. Ti sembrerà strano ma Google ti premierà per questo. Tuttavia devi anche sapere che:

Il blog deve essere aggiornato

Il motore di ricerca registra gli interessi degli utenti e propone loro i siti per i quali già hanno mostrato interesse. Tenere il tuo sito aggiornato ti aiuterà a comparire nuovamente nelle ricerche degli utenti fino ad essere memorizzato e ricercato direttamente.

I contenuti devono essere scritti in linguaggio SEO

Cioè devono essere scritti rispettando le regole affinché il sito possa scalare il motore di ricerca.

Il piano editoriale è indispensabile

Un buon piano editoriale consente di organizzare il lavoro di scrittura e di pubblicazione del tuo blog. È utile a dare coerenza e continuità ai contenuti e far percepire una struttura dei contenuti interessante e aggiornata.

La pubblicità è utile, se sei pronto

Sarebbe bello, quando si crea un blog, avere subito tanti visitatori. Ma per raggiungere questo obiettivo è necessario investire denaro. Il web in apparenza offre la possibilità di pubblicizzarsi da sé e a basso costo. Tuttavia, lanciare campagne pubblicitarie senza sapere esattamente cosa si sta facendo rischia di farti investire denaro senza ricevere un ritorno adeguato. Anche in questo caso puoi chiedere aiuto a persone esperte o scegliere un buon corso di formazione.

É importante avere una pagina con tanti mi piace su Facebook

Il numero di like aiuta a rendere visibile l’interesse che gli utenti hanno nei confronti della tua attività. Tuttavia la qualità dei tuoi utenti è più importante della loro quantità. Una pagina social è utile per raggiungere potenziali clienti e a stabilire con loro una relazione. Il requisito di un like di qualità quindi è che arrivi da una persona realmente interessata al tuo mondo. È del tutto inutile chiedere di mettere un like alla pagina aziendale a persone che non saranno mai interessate alla tua attività. Insomma, meglio pochi buoni, piuttosto che tanti inutili.

La pubblicità su Facebook costa poco

Cosa si intende per poco? Facebook offre la possibilità di effettuare campagne mirate a persone con specifici interessi e collocate in determinate zone geografiche. Per investire bene è necessario realizzare una comunicazione che interessi, conoscere i criteri di profilazione, monitorare gli annunci in modo continuativo: costa poco, ma richiede tante energie.

L’e-commerce sul sito permetterà di avere più clienti

Vale per l’e-commerce quanto si è detto per il blog: i visitatori arriveranno solo attraverso una strategia di marketing definita ed efficace capace di infondere nei consumatori fiducia e affidabilità. Gli acquirenti prima di cliccare su “Acquista” nel carrello del tuo e-commerce, cercheranno garanzie sull’esistenza e sulla serietà della tua azienda, sull’assistenza post vendita, le spedizioni e la garanzia. Per offrire queste garanzie il sito dovrà presentarsi aggiornato, e se possibile avere buone recensioni da parte di altri clienti.

Ecco allora qualche luogo comune, vero ma che nasconde una promessa da cui bisogna trovare il modo di difendersi.

Commenta