Fresh marketing

Magazine: le migliori copertine del 2017

Quale deve essere l’approccio creativo a una copertina di un magazine?
Più o meno lo si può collocare a metà strada tra quello che si deve avere per progettare la copertina un libro e quello che è necessario per un’immagine di campagna advertising. Che si tratti di realizzare una fotografia o un’illustrazione ciò che va ricercato è una relazione emotiva con l’interlocutore.

A differenza di ciò che accade con un libro che, a seconda della sua tipologia può avere un’immagine più o meno “spinta” ma che comunque deve essere pensata per durare nel tempo, in un magazine si ha a che fare con l’attualità. Ma diversamente da un quotidiano, il cui scopo sarebbe quello di trattare l’attualità come un’informazione senza filtri, in un magazine si da spazio all’approfondimento e alle storie delle persone. Quindi, una buona copertina di magazine deve essere in grado di colpire richiamando fatti di attualità ma con il giusto mix di provocazione.

Insomma, deve essere in grado di provocare una reazione intellettuale suggerendo e, possibilmente non svelando, l’ultimo passaggio del ragionamento all’interlocutore. Un po’ come accade a volte nell’advertising ma con il vantaggio di poter essere anche, talvolta, politicamente scorretti.

Qui di seguito presentiamo i vincitori 2017 decretati dall’ASME (American Society of Magazine Editors).

 

Cover of the year

Total Meltdown,” Ottobre, 2016
Direttore Creativo, D.W. Pine
Illustratore, Edel Rodriguez

Nel mese di agosto, quando Donald Trump ha passato un brutto momento dopo la Convention repubblicana, con i sondaggi in caduta libera, TIME ha commissionato all’illustratore Edel Rodriguez un’immagine “gocciolante” di Trump. Nacque il titolo “Meltdown”.

Due mesi più tardi, quando venne fuori una registrazione del neo presidente eletto che faceva commenti volgari la campagna referendaria ha avuto in un nuovo brusco calo e Rodriguez ha dato a TIME questo sequel perfetto: – L’immagine di Trump più liquefatta, intitolata ‘Total Meltdown’. La copertina di TIME del Direttore Creativo DW Pino, ha distillato l’evento in un ritratto iconico divenuto in breve virale.

 

Time

 

Best news and politics

Single Women,” Febbraio – Marzo, 2016

Si tratta di una copertina a doppio senso. Uno si chiede: questa rivista mi sta veramente facendo il dito medio? Ma ovviamente, a un controllo più approfondito, il gioco si rivela due volte. E’ un dito anulare, non un dito medio, come simbolo del nuovo impegno politico delle donne non sposate. Il titolo della copertina di Rebecca Traister sostituisce, alla base del dito, un anello macante. Al posto di una fede si trova “la forza politica più potente in America”. Alla fine, l’immagine ha prodotto una copertina intelligente, iconica e potente come il suo soggetto.

 

New York

 

Best Entertainment and Celebrity

Purple Rain,” May, 2016
Illustratore, Bob Staake

Il cantante pop Prince è morto in aprile, all’età di cinquantasette anni, ma la sua eredità rimarrà con noi per lungo tempo. La copertina “Purple Rain” di Bob Staake, è un omaggio al grande performer. È stata diffusa solo poche ore dopo la morte dell’artista ed è stata largamente condivisa sui media e su tutte le piattaforme social mentre i fans di tutto il mondo piangevano la sua scomparsa.

 

The New Yorker

 

Best Business and Technology

United’s Quest to Be Less Awful,” January, 2016

United Airlines vuole rilanciarsi, la copertina è stata ideata riprendendo lo stile di un manuale di sicurezza della compagnia che identifica alcuni dei problemi di United Airlines che devono essere risolti.

 

Best Business and Technology

 

Best Service and Lifestyle

Sugar Shock,” Marzo/Aprile 2016
Designer e Illustratore, Jennifer Kloiber Infante,
Fotografo, Robert Barker

Cornell è una delle poche pubblicazioni indipendenti negli Stati Uniti e viene realizzata con un budget estremamente ristretto. Per questo deve fare affidamento su una creatività a basso budget quando si tratta di produrre le copertine.

La copertina di marzo 2016, un omaggio “granulare” a L’urlo di Edvard Munch, ha evidenziato l’articolo principale che lanciava l’allarme sui livelli pericolosi di fruttosio nella dieta americana. L’immagine è stata creata al costo di un sacchetto di zucchero, un pacchetto di stuzzicadenti e un foglio di plexiglass blu.

 

Cornell Alumni Magazine

 

Best Sport and fitness

Kind of a Big Deal,” Novembre, 2016
Direttore Creativo, Chin Wang
Fotografo, Peter Yang
Direttore della fotografia, Karen Frank

«Ho letto tutti i feed di Instagram di Karl-Anthony Towns per trovare indizi sulla sua personalità e come fosse stato fotografato in precedenza», spiega Karen Frank, direttore della fotografia di The Magazine. «Avevamo l’idea di un’immagine di un bambino che si aggrappava al bordo di un cesto da basket. Poi abbiamo combinato questa idea con un’altra. Abbiamo pensato a a Karl-Anthony inclinato con la testa per adattarsi alla nostra copertina. In più, per forzare ulteriormente il concetto, abbiamo deciso di costruire una scatola prospettica forzata».

 

ESPN The Magazine

 

Best Travel and Adventure

The Food Issue,” October 2016
Fotografo, Oddur Thorisson

La composizione still-life di Oddur Thorisson, con lo sfondo di un muro arancio bruciato, è una vera sfida all’idea, ispirata da Instagram, che il cibo è meglio se fotografato dall’alto. Quei due piatti perfetti di rigatoni e ravioli in una trattoria Umbra sono stupefacenti, così come il vino e l’impostazione del tavolo. Ma quella sedia vuota, che invita ad accomodarsi, è l’elemento più forte di questa copertina piena di anima per il numero di ottobre di Condé Nast Traveller.

 

Condé Nast Traveler

 

Most Delicious

March 2016
Artista, Maurizio Cattelan
Fotografo, Pierpaolo Ferrari

L’artista Maurizio Cattelan e il fotografo Pierpaolo Ferrari, hanno creato la copertina per il redesign del magazine VICE.

Per questa copertina hanno avuto completa autonomia e hanno posizionato uno scheletro su uno sfondo blu circondandolo da tagli di animali. Posizionando carne trita nelle sedi oculari del cranio e sistemando meticolosamente le costine accanto alle ossa del braccio, hanno creato, attraverso la decostruzione, l’umorismo e la bellezza nell’inaspettato.

 

VICE

 

Brainiest

Commencement,” May, 2016
Illustratore, R. Kikuo Johnson

«Il mio primo lavoro dopo la laurea è stato come cameriere in una steak house di Times Square. Sono stato li per otto anni», ha dichiarato R. Kikuo Johnson parlando della sua copertina. «Durante questa esperienza vedevo un sacco di cappellini da laureati che entravano nel ristorante con i loro genitori orgogliosi». Johnson si è laureato alla School of Design di Rhode Island nel 2003 e ora si sostiene come artista a Brooklyn. Inoltre si è trasferito a Providence, Rhode Island, per insegnare: «Non solo io, direi che la maggior parte degli altri insegnanti di RISD sono anche ex alunni. Tutto questo è ciò che mi ha fatto pensare a questa immagine».

 

The New Yorker

Commenta